Progetto C.T.MO.MO.

CENTRO STUDI

Cultura Turismo Moncalvo e il Monferrato

Moncalvo fu una delle capitali del Monferrato, un vasto territorio per la sua collocazione geografica e per le vicende storiche che lo hanno vista protagonista per secoli a livello europeo, è oggi centro di interesse per lo sviluppo di una rete territoriale e culturale, riconosciuta anche come paesaggio culturale nell’ambito della World Heritage List.

Si tratta quindi di un territorio che esiste ed è al centro di un vasto progetto di valorizzazione turistica ed economica, che deve però recuperare e riappropriarsi della propria storia e del proprio patrimonio, di cui restano pochi monumenti e ancor meno documenti (gli archivi del Marchesato sono dispersi per tutta Italia e mezza Europa), rivolgendosi dunque a quel “patrimonio intangibile” fatto di tradizioni, memorie e rievocazioni, oltre che ovviamente di documenti. Lo scopo è costruire itinerari turistici, didattici e virtuali sulle diverse tematiche di maggiore rilevanza e interesse, a partire ovviamente dal circuito dei Castelli e dei Luoghi della Fede, fino ai luoghi della civiltà del Vino.

Siccome però questo territorio ha perso nel corso dei secoli il proprio patrimonio storico-artistico, ed è anche stato testimone e protagonista del momento in cui per la prima volta Napoleone Bonaparte (1796) si pose e manifestò l’intento di raccogliere e portare in Francia come trofei di guerra i capolavori artistici dell’intera Europa e dell’Egitto, si è sviluppata in Monferrato una particolare sensibilità al tema della protezione e salvaguardia dei beni culturali a rischio di oblio, incuria, distruzione o saccheggio.

Alcune realtà locali che da anni operano, talvolta in collaborazione ma più spesso in “solitaria”, hanno deciso di sviluppare un progetto comune, mantenendo le proprie prerogative e competenze. In altre parole si è individuato un luogo di incontro e di iniziative che potranno procedere autonomamente ma che potranno utilizzare e favorire contatti, comunanze di intenti, collaborazioni, contaminazioni.

MUSEO E BIBLIOTECA CIVICA DI MONCALVO
CENTRO DI ALTI STUDI “F.MANISCALCO”

A.L.E.R.A.MO. Onlus
CENTRO STUDI PAESAGGIO CULTURALE DEL MONFERRATO

ARCHIVIO DELLA DOC
ME.MO. MEMORIE DEL MONFERRATO</a

CIRCOLO CULTURALE “I MARCHESI DEL MONFERRATO”
ARCHIVIO DIGITALE DEL MONFERRATO

I primi progetti comuni saranno quindi:

  1. la promozione di un ciclo di incontri e di approfondimento sulla raccolta ampelografica di proprietà della Biblioteca Civica di Moncalvo, ritenuta tra le prime in Italia e già oggetto di uno studio preliminare e di pubblicazione sulla rivista “Botanica”. L’argomento della raccolta botanica sarà esaminato da più punti di vista: estetico e artistico, storico, botanico, vitivinicolo e si cercherà di trarne le positive ricadute sulla attuale situazione colturale. In questo contesto si consolideranno i legami con altre realtà di studio e in particolare con un centro studi in Toscana e uno in Francia. La collaborazione continuerà con la valorizzazione del patrimonio librario della DOC e Fondo Desana, un valore documentale di estremo interesse, e sulla ricerca e conservazione degli Archivi della Doc, il tutto inserito nel contesto storico e artistico del Monferrato e del Piemonte.
  2. la riorganizzazione e riproposizione della biblioteca digitale del “Centro Maniscalco”, realizzata tra il 1998 e il 2017 dalla Biblioteca Civica di Moncalvo in collaborazione con la Provincia di Asti e il Comitato promotore dello Scudo Blu Italiano (2000-2013).


IL PROGETTO E’ SOSTENUTO DA:

  • COMUNE DI MONCALVO
  • REGIONE PIEMONTE – SETTORE PROMOZIONE BENI LIBRARI, ARCHIVISTICI E ISTITUTI CULTURALI

 

 

Monfrà Jazz Fest Finissage della Mostra di Pietro Domenico Olivero Memorie e tradizioni del vigneto Treville Tra le rose al ritmo del cuore Pietro Domenico Olivero pittore di corte Monferrato CULT: il nuovo canale live che promuove il territorio del Monferrato Il Monferrato degli Infernot tra i componenti del sito riconosciuto patrimonio dell’umanità dal comitato UNESCO FIERA del TARTUFO a Moncalvo Il Bue Grasso di Carrù e Moncalvo protagonista dell’inverno monferrino